Data di arrivo
Data di partenza
Numero di ospiti 2 Adulti - 0 Bambini
N. Camere
Camera 1
N. Adulti
N. Bambini
Camera 2
N. Adulti
N. Bambini
Camera 3
N. Adulti
N. Bambini
Camera 4
N. Adulti
N. Bambini

Treviso

Treviso

Treviso, città storica medievale, incanta il viaggiatore per la coesistenza pacifica e armoniosa tra la natura e le costruzioni umane. Piccola città, si può visitare anche in una giornata, Treviso permette di ammirare molti scorci suggestivi. Ecco cosa vedere a Treviso.

  1. La Piazza dei Signori è da sempre il cuore mondano per i trevigiani. La piazza sorge infatti su antico punto d’incontro di epoca romana e, nel corso del tempo, ha funto da mercato e da luogo di discussioni politiche e culturali. Inoltre, a pochi passi dalla piazza è possibile ammirare un edificio unico nel suo genere: la Loggia dei Cavalieri. Si tratta di una struttura ad archi dalla forma irregolare, aperta, costruita nel 1200 per permettere ai nobili di partecipare ai giochi di società. Il panorama di Piazza dei Signori a Treviso è dominato da tre degli edifici più importanti della città: il Palazzo del Podestà, che risale al 1400, la Torre Civica e il Palazzo dei Trecento
  1. Da Piazza dei Signori si apre Calmaggiore, la via principale di Treviso, che porta al Duomo. Si tratta di un suggestivo vicolo di selciato, stretto da portici e case storiche, caratteristico e molto ben tenuto come tutto il centro storico di Treviso. Rappresenta uno dei punti salienti di Treviso, da vedere. 
  1. Il Palazzo dei Trecento, costruito nel 1210, domina la Piazza dei Signori e prende il nome dai 300 membri del Consiglio del Comune. Con le sue arcate di mattoni rossi, ancora oggi ospita le riunioni del consiglio comunale ed è uno degli esempi più importanti di architettura romanica della città. I suoi interni sono decorati da affreschi duecenteschi e si possono vedere in occasione di mostre ed eventi culturali.

  2. A Treviso è possibile visitare anche tantissimi musei che consentono di approfondire tutti gli aspetti del grande patrimonio storico e culturale della città, completando il ritratto di un luogo dove arte e piacere di vivere hanno sempre regnato in sintonia.